Il buon sapore dei vecchi usi

martedì, luglio 13, 2010

Hanno un sapore diverso certi vecchi modi di fare le cose.
Non che scrivere un pensiero ramingo con una macchina da scrivere piuttosto che con una tastiera produca un esito funzionale troppo diverso! Ciononostante, le stesse parole lette su un monitor e lette su un foglio di carta ingiallito, hanno un sapore diametralmente diverso.
Ieri sera, reduce da un'altra pesante quanto afosa giornata di lavoro, ho vagato fra le camere della mia casa a piedi nudi, senza un'intenzione precisa, quasi lasciandomi guidare dal fresco del pavimento da un luogo all'altro, ritrovandomi senza volerlo, nella vecchia camera dei miei nonni paterni, rinominata per mio conto "Stanza delle Idee" per il semplice fatto che ho portato lì i miei quadri, i colori, i pennelli ed il cavalletto, nella speranza che tutti assieme conciliassero la mia letargica ispirazione. E' successo, però, ierisera, che ai miei strumenti soliti preferissi la mia Olivetti Lettera 92...strana scelta, eppure istintivamente l'unica in quel momento. Aprendo il coperchio, sono scivolati a terra alcuni fogli già battuti, neanche avevo memoria di quanto tempo fosse passato dall'ultima volta che avevo toccato quei tasti silenziosi. Ho sorriso spontaneamente nel rivedere me stessa intenta ad inventar romanzi, stroncati, ahimé, sul nascere dalla mia natura incostante! Ed ora eccole qui, su questi fogli ingialliti, gli ultimi tentativi di aspirante scrittrice...che emozione rileggere le frasi della mia ingenua mente immatura, eppure animata da una fantasia sconfinata, da un esubero di aggettivi che mi convincevano del mio valore, presunto talento stile Josephine March! Povera illusa ragazzina! Mi accorgo, tutto sommato, che quei voli pindarici battuti con tanto entusiasmo, non sono poi tanto male...stento a riconoscere la me stessa di allora, il lessico è già adulto se pur troppo ridondante, le trame complesse che già prevedono equivoci e jeux des mots a complicare il tutto...forse non erravo, all'epoca, nel credermi bravina, com'è vero che adesso tendo ad essere vittima costante di un'autocritica massacrante, vietando a me medesima quasi tutte le possibilità di merito.
Ecco quello che ho scritto...
Allora, ero ancora libera.
Ero la libellula di cui scrivevo, ero l'albatro di cui leggevo, una Wendy che ancora non sapeva di dover scegliere di lì a pochi anni, se crescere da sola o restare bambina al fianco di Peter.
Così, dopo aver riletto i sogni di quella che fui, ho cambiato il nastro, sostituendo ormai quello asciutto precedente, ho caricato un foglio ancora vuoto trovato fra quelli letti e, seduta in modo più comodo sulla "poltrona delle idee", ho iniziato a scrivere di getto.
Finito il foglio ed il pensiero, l'ho riletto da capo come se fosse frutto di una mente altrui, solo dopo mi sono accorta del passare del tempo...era passata una mezzora senza che mi rendessi conto dello scorrere dei minuti...battento su quei tasti come facevo da ragazzina, ho ritrovato un pò di quella libertà, come caduta nel pozzo senza tempo, ho respirato nuovamente il sapore dei vecchi usi, una memoria delle cose che voglio, devo necessariamente salvare...

You Might Also Like

0 Impressions

"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine." — Virginia Woolf

Puoi leggermi su

Follow

Follow my blog with Bloglovin


Paperblog

Aggregatore

Blog Directory

http://www.wikio.it


Miss Claire Queen

Disclamer

L'autore di questo blog si riserva di eliminare senza preavviso i commenti che siano illeciti, volgari, lesivi della privacy altrui, con contenuti di spam, ispirati da odio razziale, che possano recare danno ai minori, che contengano dati sensibili, che siano lesivi di copyright, che non siano correlati all'articolo cui si riferiscono.

Questo blog viene aggiornato senza una periodicità prestabilita quindi, ai sensi della legge n°62 del 07/03/2001, non è un prodotto editoriale o una testata giornalistica.

Le icone pubblicate sono state prelevate dalla rete attraverso il motore di ricerca Google. Chiunque si trovi violato nel copyright non ha che da comunicarlo, verranno eliminate immediatamente.

Ospiti e passanti

La grafica di questo blog è curata da Petra Zari aka Miss Claire Queen [© 2015], non ne è permessa la copia o la riproduzione anche parziale dei contenuti, che siano testi o immagini.

SE AMI IL MIO STILE e hai un blog che vuoi svecchiareSCRIVIMI!

Sfoglia il mio Portfolio!