Diario di una Lady di Provincia - E.M. Delafield

sabato, gennaio 29, 2011

✿✿✿✿
E.M. Delafield
Diario di una Lady di Provincia
collana: I narratori delle tavole
ISBN 978-88-545-0442-4
Pagine 192
€ 15,50 

La mia Recensione

❝ Domanda: E' possibile coltivare l'arte della conversazione vivendo tutto l'anno in campagna? ❞

E' questo uno dei primi dilemmi che si pone la protagonista di questo brillante Diario, l'incipit, se vogliamo, più appropriato per aprire un anno (il 1930) ricco di episodi divertenti, giocati sull'eterna antinomia tra l'etichetta della buona Società inglese e le difficoltà finanziarie di questa famiglia di Provincia.

La protagonista è una moglie, una madre e una donna impegnatissima nelle tante attività femminili necessarie al mantenimento delle giuste amicizie, quanto della buona apparenza: Club Letterario, Associazione femminile attività parrocchiale, cene di gala e conferenze sono all'ordine del giorno.
Niente di strano per una Lady inglese, mi direte, se non fosse che tutte queste attività, intervallate dai doveri della vita domestica, finiscono sempre con l'essere sabotate dal comportamento maldestro della stessa protagonista!
Il risultato è un esilarante inventario di episodi di quotidianità, dove si affacciano a campione, personaggi tipici della letteratura inglese, prima fra tutte la ricca ed altezzosa (quanto odiosa) Lady B., la quale non perde occasione per mettere a paragone la sua condizione privilegiata e quella della povera Lady di Provincia, con sottili, diaboliche eppure chiarissime insinuazioni. Fra i personaggi più divertenti, la moglie del vicario, prodiga quanto prolissa; Robert, il marito della Lady protagonista, rappresenta l'esatto contrario di quest'ultima, è spesso silenzioso ed assente quando interpellato, semplicistico e sbrigativo nelle rare risposte, ma queste sono a volte tanto sensate da generare il dubbio che siano giuste nella mente della protagonista. Mademoiselle, la tata francese, è un personaggio ansioso, fin troppo premurosa, tanto da immaginare catastrofi alla scoperta di ogni nuovo problema.

Il diario prosegue in una girandola di impegni, fughe in città per shopping in compagnia dell'amica Rose, una vacanza nel Sud della Francia, raffreddori, picnic e morbillo.
Divertentissimi i molti episodi legati alla sempre più precaria situazione finanziaria della famiglia, di cui la Lady si lamenta, ricorrendo, in momenti d'emergenza, al banco dei pegni, piuttosto che rinunciare anche solo ad uno dei domestici (cuoca, cameriera, tata francese...), incongruenza comprensibile soltanto nel contesto aristocratico-borghese inglese, infine, da buona Lady inglese, risolve la propria frustrazione per la questione "conto in rosso", con pomeriggi di spensierato shopping!

Devo ringraziare la cara Marcella per avermi prestato questo libro divertente!

La lettura è piacevolissima, l'humor perfettamente english, ha l'azione benefica di confortare noi donne nei momenti di stanchezza domestica, il collante di un anno di eventi è l'ironico agire di una donna alle prese con le difficoltà della vita, enormi se tarate a livello di una Lady di Provincia...
...se poteste immaginare che fatica far sbocciare quei maledetti bulbi!!! :D

In una parola: CONSIGLIATISSIMO!!!

Di seguito la trama e due note sull'autrice, intanto, buona lettura!!!
La Trama

È una madre completamente pazza dei suoi figli, ma a volte la sfiora il sospetto che i suoi «dolci bambini» siano totalmente sprovvisti di senso artistico, visto che ascoltano canzoni come Pazzo pazzo Izzy Azzy riprodotte per la bellezza di quattordici volte consecutive al grammofono. È una moglie fedele e devota, ma a volte la sgomenta il comportamento di suo marito che, nel trambusto provocato dai bambini a letto col morbillo, non si limita ad assumere il tipico atteggiamento maschile secondo cui «stiamo facendo una tempesta in un bicchiere d’acqua», ma ha l’aria di chi è convinto che sia tutto una messinscena fatta apposta per infastidire lui. È un’attenta lettrice, ma di tanto in tanto le capita di fare commenti intelligenti su un romanzo come Orlando finché non lo legge, e si rende conto di non capirci un fico secco. È una casalinga senza macchia e paura, ma le accade spesso di offrire ai suoi ospiti pollo e patate crude. È una donna mondana, capace di stare in società, ma, invitata a una soirée letteraria, le capita di scambiare un’ispettrice sanitaria del governo, vestita con una specie di tappezzeria blu, per il perverso autore di Sinfonia in tre sessi. È una persona educata e di bon ton, ma non può evitare di indispettirsi quando l’odiosa Lady B., con una temperatura artica, l’invita ad assistere a un’insulsa competizione sportiva all’aperto di giovani uomini in completo di flanella bianca che si scaldano scagliando una pallina contro un muro. Lei vestita con un cappotto senz’arte né parte, e Lady B., invece, con un sontuoso soprabito verde smeraldo con colletto e polsini di pelliccia. È una madre che si sforza di non essere ansiosa coi figli, ma non può fare a meno di confrontare i capelli di sua figlia con quelli di altri pargoli, per scoprire che non esiste al mondo nessun altro che li abbia così dritti e spioventi come la sua bambina. È, insomma, la nostra cara, inarrestabile lady di provincia, capace di assecondare il marito brontolone e accudire le sue piccole pesti organizzando feste, disastrosi pic-nic sotto la pioggia, esilaranti incontri parrocchiali. Capace, infine, da più di mezzo secolo, di strabiliare e divertire migliaia di lettrici e lettori con questo irresistibile Diario che raccoglie le sue mirabolanti gesta.
L'Autrice

E.M. Delafield (1890 -1943) è autrice di molti romanzi. Il Diario di una lady di provincia fu dapprima pubblicato a puntate settimanali sulla rivista Time and Tide, poi, dopo lo strepitoso successo, ebbe ben tre seguiti: The Provincial Lady Goes Further, The Provincial Lady in America e The Provincial Lady in Wartime.




You Might Also Like

14 Impressions

  1. Bella recensione! (letta e votata su anobii!). Questo libro m'incuriosisce moltissimo! Prendo nota!

    ;-)

    PS: notiziona quella della pubblicazione di Ruth della Gaskell!!! Questo è buon segno anche per gli altri suoi romanzi ancora senza tarduzione!

    RispondiElimina
  2. *traduzione... ehehehe, piccolo lapsus!!!

    XD

    RispondiElimina
  3. mi ispira molto, mi sa che lo aggiungo alla wishlist :-)

    RispondiElimina
  4. Non me lo perderò di sicuro!!!!!
    Loredana

    RispondiElimina
  5. Questo libro, visto in libreria, mi incuriosiva molto, dopo aver letto la tua recensione credo proprio che mi deciderò ad acquistarlo, grazie!!

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutte per i commenti, vi assicuro che è un ottimo libro per chi come noi ama l'humor inglese, ha realmente il potere di confortarci nei cosiddetti "momenti alla Bridget Jones" che complicano la vita quotidiana femminile! :D

    RispondiElimina
  7. 1) bellissima recensione (che adesso vengo anche a votare su Anobii), che mi ispira molto, tanto da inserire questo libro nella lista per le prossime incursioni in libreria!
    2) mi hai dato due belle notizie libresche: dopo la Bebris, ecco la grande notizia su Ruth!!! Siamo pronte, vero, per metterci sopra le mani e i nostri occhietti avidi?...

    RispondiElimina
  8. mi hai incuriosita davvero molto...me lo procurerò sicuramente!!!

    RispondiElimina
  9. Ciao, grazie per essere passata dal mio blog, devo dire che il tuo è proprio interessante e ti seguirò anche io!
    n.b.: ha notato che abbiamo un post in comune, a dicembre anche io ne ho fatto uno sulla commedia teatrale di Oscar Wilde "The importance of being Earnest"!
    Buona giornata
    Federica

    RispondiElimina
  10. Seta è il mio libro preferito in assoluto di Baricco...ma credevo si facesse riferimento solo al 2010 e Seta l'ho letto un paio di anni fa..ma mi è rimasto nel cuore...
    appena mi libero dal benedetto esame, torno qui con calma e mi leggo tutte le recensioni ch stai pubblicando in questi giorni...mi paiono molto interessanti...:-)

    RispondiElimina
  11. Splendida recensione, volevo questo libro da un po'.
    Anche il tuo blog è sublime, grazie per aver inserito il banner. Il tuo è un po' grandino... non c'è possibilità di avere una versione più smilza? :P

    RispondiElimina
  12. OMG sono splendidi i banner! Domani lo inserirò nel mio blog, assolutamente!

    RispondiElimina
  13. Mi devo segnare questo libro; mi ispira parecchio!
    Grazie per la visita, che richambio molto volontieri.
    A presto!

    RispondiElimina
  14. NOn avevo mai sentito parlare di quesot libro..povera me ignorante! Cmq mi pare molto carino...sai che le tue recensioni mi aprono a un mondo che conoscevo solo marginalmente? Per questo ti ringrazio..:-)
    Buon inizio di settimana...ciaoo!! ^^

    RispondiElimina

"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine." — Virginia Woolf

Puoi leggermi su

Follow

Follow my blog with Bloglovin


Paperblog

Aggregatore

Blog Directory

http://www.wikio.it


Miss Claire Queen

Disclamer

L'autore di questo blog si riserva di eliminare senza preavviso i commenti che siano illeciti, volgari, lesivi della privacy altrui, con contenuti di spam, ispirati da odio razziale, che possano recare danno ai minori, che contengano dati sensibili, che siano lesivi di copyright, che non siano correlati all'articolo cui si riferiscono.

Questo blog viene aggiornato senza una periodicità prestabilita quindi, ai sensi della legge n°62 del 07/03/2001, non è un prodotto editoriale o una testata giornalistica.

Le icone pubblicate sono state prelevate dalla rete attraverso il motore di ricerca Google. Chiunque si trovi violato nel copyright non ha che da comunicarlo, verranno eliminate immediatamente.

Ospiti e passanti

La grafica di questo blog è curata da Petra Zari aka Miss Claire Queen [© 2015], non ne è permessa la copia o la riproduzione anche parziale dei contenuti, che siano testi o immagini.

SE AMI IL MIO STILE e hai un blog che vuoi svecchiareSCRIVIMI!

Sfoglia il mio Portfolio!