Sospetto e Sentimento - Carrie Bebris

mercoledì, febbraio 16, 2011


Carrie Bebris
Sospetto e sentimento
o Lo Specchio Misterioso

Narrativa TEA Pagine 288
Terza edizione
ISBN 978-88-502-1511-9
€ 10,00



Scheda

È l’estate del 1813 e i coniugi Darcy, appena celebrate le nozze, devono privarsi loro malgrado della tranquilla intimità di Pemberley per tuffarsi nella vita di società londinese insieme con Kitty, sorella minore di Elizabeth, in cerca di marito. Quando la scelta ricade su Harry Dashwood, giovane di ricche sostanze e ottima reputazione, la famiglia Bennet è ben lieta di annunciare il fidanzamento. Troppo presto, tuttavia, dal momento che di lì a poco, e in modo del tutto inatteso e inspiegabile, il giovane gentiluomo rivela una natura diabolica e perversa: gioco d’azzardo, dubbie frequentazioni, eccessi d’ogni sorta, persino pratiche esoteriche all’interno di una setta satanica sono i suoi passatempi. Il ton grida allo scandalo e il matrimonio rischia di essere compromesso, mettendo in gioco persino la reputazione della famiglia Bennet. Ma Darcy ed Elizabeth non amano fidarsi delle apparenze. Troppi i misteri che avvolgono questa storia per non solleticare la loro curiosità: cos’ha a che fare con la trasformazione del giovane l’antico specchio da cui lui non si separa mai e le cui origini sembrano risalire a tempo immemorabile? Qual è la ragione del repentino e sorprendente invecchiamento di Harry? Chi si cela in realtà dietro le sue mentite spoglie? Mistero e paranormale s’intrecciano di nuovo e sfidano Mr. e Mrs. Darcy, i novelli sposi investigatori, a risolvere un puzzle quasi impossibile.
L'Autrice
Carrie Bebris ha lavorato come giornalista, insegnante di letteratura inglese e come editor di una collana di fantasy, prima di esordire come scrittrice con Orgoglio e preveggenza nel 2004. Ha intrapreso diversi viaggi in Inghilterra per svolgere ricerche approfondite sulla vita e sull’opera di Jane Austen ed è socia attiva della Jane Austen Society of North America. Vive col marito nel Wisconsin.   
I titoli editi della serie mistery "Le Indagini di Mr & Mrs Darcy"
Orgoglio e Preveggenza
Sospetto e Sentimento
Le ombre di Pemberley
L'enigma di Mansfield Park
Intrigo a Highbury (vedi anteprima)

  
La mia Recensione
Dopo la scheda del libro, dell'autrice e l'elenco degl'altri titoli presenti nella fortunata serie della Bebris, dunque, il mio personale parere.
Mi sento di risolvere subito il primo confronto con l'altra serie ispirata al romanzo più celebre della Austen, ovvero la Trilogia (qui già recensita) della Aidan; sia chiaro che il paragone vale solo sul piano formale, della scrittura, rispetto allo stile della Austen, e della coerenza rispetto al testo originale (Orgoglio e Pregiudizio) cui si ispirano entrambe le scrittrici.
La Bebris mi è apparsa più lontana, meno precisa, dimentica dei dettagli e della complessità propri ai due protagonisti originali (Elizabeth e Darcy), forse perché la storia ha una trama nuova, è un sequel e ciò libera la scrittrice verso un nuovo inizio (vedi il primo libro della serie "Orgoglio e Preveggenza), quello che rimane è, ad ogni modo, una scrittura scorrevole, poiché scevra di quella complessità, da leggere in poco tempo, spesso dimenticando l'ispirazione austeniana che l'ha generata.
Certo è che leggendo il Darcy e la Lizzy della Bebris ho provato malinconia per i medesimi, descritti, però, dalla Aidan nella sua trilogia! Ovviamente, la Aidan è necessariamente più attenta ai particolari, visto che sceglie di riprendere completamente la trama austeniana dal punto di vista di Darcy (opposto a Lizzy), ma tolti i pochi pensieri un pò troppo passionali di Darcy, i ritratti che ne emergono sono più fedeli, ne consegue un'affezione immediata, dunque, un coinvolgimento maggiore nella storia, fatto che non ho riscontrato nei due titoli della Bebris.
Ma veniamo al titolo in questione: il mistery gira intorno ad un antico specchio magico, una trama piuttosto semplice e dal finale facilmente intuibile (almeno da chi, come me, è abituato agli enigmi impareggiabili di Sherlock Holmes o Miss Marple); la coppia austeniana procede nella storia altalenando tra l'intuito e la propensione al credere nel sovrannaturale di Lizzy e l'estremo attaccamento alla logica di Darcy, tutto sommato, credibili, anche se non entusiasmanti come investigatori!
Che dire di Kitty, la sorella minore di Lizzy, che, forte della lezione occorsa alla fin troppo estroversa Lydia (brava la Bebris a riprendere il filo), è molto più compita in questo frangente, tanto accorta da entrare nelle grazie del buon e bel partito di turno, Harry Dashwood.
Quest'ultimo, è il (piuttosto ovvio) fulcro del mistery, ma anche il legame che la Bebris introduce per presentare i ben noti personaggi di Ragione e Sentimento (i Ferrars, i Dashwood), fra cui  emerge l'equilibrata Elinor, che conquista subito la simpatia di Lizzy...sarebbe stato auspicabile un approfondimento di questa reciproca conoscenza, per sondare i possibili risvolti di un'amicizia immaginaria tra le due protagoniste dei romanzi austeniani.
Ho apprezzato taluni passaggi fra Lizzie e Darcy, dialoghi molto probabili anche se semplificati, come la saldissima fiducia di un Darcy innamorato, che per gli occhi di sua moglie, riesce a valicare un altro limite, quello della logica:

(dal libro)
"Darcy le si avvicinò e le posò le mani sulle spalle, consolando così, per un momento, lei e se stesso. Quindi chinò la testa per sussurarle: < Dammi l'amuleto >.
Elizabeth si girò, era perplessa, ma portò una mano all'orologio d'argento che le pendeva al collo accarezzando con le dita i simboli che vi erano incisi. < L'amuleto? > chiese, scrutandolo negli occhi. < Perché? >
Ricambiando il suo sguardo, il solo che per lui avesse davvero importanza, Darcy prese la catenina e gentilmente la sfilò dal collo di lei, facendogliela passare intorno al capo, e la indossò insieme con l'amuleto. < Professor Randolph >, riprese, senza staccare gli occhi da quelli della moglie, < ditemi qualcosa di più su quello che avete definito "falso scambio"...>"

come alcuni passaggi esilaranti con protagonista la superba Fanny Dashwood:
"...apparve in salotto Fanny Dashwood, una donna magra e d'aspetto fiero, con gli zigomi sporgenti e il mento tanto sollevato dall'orgoglio da minacciare di offrire un panorama sconfinato delle sue narici a chiunque fosse di statura più bassa. Con gli occhi penetranti scrutò le gentildonne allo scopo d'individuare la padrona di casa. Dopo averla salutata, Elizabeth fece le necessarie presentazioni.
< E' un piacere fare la vostra conoscenza > dichiarò Mrs Dashwood a un vaso cinese, mentre il suo sguardo critico vagava per la stanza. Osservati i tendaggi, le suppellettili e la mobilia, scrutò Elizabeth, Georgiana e Kitty con identico sguardo calcolatore, indugiando in particolare su Miss Bennet. Elizabeth si domandò se avrebbe giudicato sua sorella più o meno preziosa del divano imbottito."

e l'omaggio a Mrs Radcliffe:
"Si arrivava a sostenere che Harry fosse la reincarnazione di Sir Francis, e che i depravati della sua banda fossero i Monaci di Medmenham risorti dalle ceneri dell'oltretomba ad attizzare di nuovo nel mondo superno le fiamme infernali dell'Hell-Fire. Era naturalmente una fantasia che superava persino quelle di Mrs Radcliffe..."

Tutto sommato, un buon romanzo, a patto di non aspettarsi troppo, né perdersi nei paragoni col romanzo capolavoro indiscusso di cui è sequel.

Perciò 3 fiorelibri, in attesa di leggere il terzo titolo...buona lettura a tutti!

Sempre Vostra,

You Might Also Like

6 Impressions

  1. Qualcosa mi dice che hai fatto incetta di libri TEA scontati!! Questo lo stavo guardando in libreria proprio lo scorso weekend! ^^

    Ah ho visto che stai leggenod la MAnsfield...non ho mai letto niente di lei ma sono curiosissima!! Fammi sapere come va!:-)

    RispondiElimina
  2. Del tutto d'accordo con la tua analisi: la Bebris sceglie di allontanarsi in ongi senso dall'originale pur rimescolando diversi ingredienti già molto conosciuti. Darcy ed Elizabeth, ma anche altri personaggi austeniani, nonché le suggestioni gotiche dell'epoca, il Ritratto di Dorian Grey, ecc. Insomma, mi associo a quanto dici: sono romanzi mediamente piacevoli (io li chiamo "libri da riposo", adatti a prendere fiato dopo la lettura di un libro molto intensamente vissuto!) ma in cui la materia austeniana è solo un vago pretesto.

    RispondiElimina
  3. Sono romanzi di puro svago... niente più. Alcuni megliori e altri (specie i primi 2) meno... però è interessante vedere i Darcy che interagiscono con i protagonisti degli altri romanzi austeniani!

    ;-)

    RispondiElimina
  4. Avevo letto il primo, e non mi era piaciuto affatto, perciò credo che non insisterò nella mia frequentazione con la Bebris! Anche perchè in genere, se amo i personaggi originali, finisco sempre con trovare difetti e quant'altro alle 'copie', perciò mi mando di traverso tutta la lettura! Però hai scritto una bella recensione!
    PS La duchessa l'avevo visto tempo fa, molto bello ma...che amarezza!

    RispondiElimina
  5. @Tutte: grazie per i vostri commenti! Scusate se sono assente in questi giorni, ma il lavoro mi sta fagocitanto!!! >_<
    Passerò presto a trovarvi care! Il Sofa resta a vostra disposizione, abusatene pure!
    Baciotti!

    RispondiElimina
  6. già per il solo fatto che i personaggi sono quelli, penso che una lettura gliela farei proprio O_o

    RispondiElimina

"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine." — Virginia Woolf

Puoi leggermi su

Follow

Follow my blog with Bloglovin


Paperblog

Aggregatore

Blog Directory

http://www.wikio.it


Miss Claire Queen

Disclamer

L'autore di questo blog si riserva di eliminare senza preavviso i commenti che siano illeciti, volgari, lesivi della privacy altrui, con contenuti di spam, ispirati da odio razziale, che possano recare danno ai minori, che contengano dati sensibili, che siano lesivi di copyright, che non siano correlati all'articolo cui si riferiscono.

Questo blog viene aggiornato senza una periodicità prestabilita quindi, ai sensi della legge n°62 del 07/03/2001, non è un prodotto editoriale o una testata giornalistica.

Le icone pubblicate sono state prelevate dalla rete attraverso il motore di ricerca Google. Chiunque si trovi violato nel copyright non ha che da comunicarlo, verranno eliminate immediatamente.

Ospiti e passanti

La grafica di questo blog è curata da Petra Zari aka Miss Claire Queen [© 2015], non ne è permessa la copia o la riproduzione anche parziale dei contenuti, che siano testi o immagini.

SE AMI IL MIO STILE e hai un blog che vuoi svecchiareSCRIVIMI!

Sfoglia il mio Portfolio!