La Collina più alta di Sara Aldegheri | A Review

domenica, giugno 26, 2011

✿✿✿
"Jane"...un nome familiare, non trovate?

Ebbene, mie care gradite Ospiti, come molte di voi approveranno, Jane non è un nome qualunque: pare, di fatto, contenere gli ingredienti della fama, alla stregua di un portafortuna infallibile (o quasi) che abbatte distanze di spazio e di tempo, abbattendo i limiti della realtà.
E Sara Aldegheri, la giovanissima autrice del romanzo, ha scelto questo amuleto per chiamare la sua eroina, una Jane che rammenta entrambe le sue sorgenti d'ispirazione: l'amore per gli scritti della Austen e quello per la Jane Eyre brontiana,
affetti che l'Aldegheri rievoca in ogni pagina del suo lavoro, quasi spinta dalla necessità di rendere omaggio alle sue fonti, come primo atto della sua produzione letteraria.

Premetto che la curiosità per questo delizioso romanzo, mi ha contagiata diverso tempo fa, molto prima di avere la fortuna ed il piacere di conoscere (grazie al benefico aNobii!) l'Autrice medesima e condividere con lei il mio entusiasmo per la sua opera prima. Sono sempre favorevole alla promozione di giovani talenti italiani, se poi, addirittura, scrivono dell'argomento a me più caro, è naturale che ne divenga la prima sostenitrice! 
Perciò, auguro fin d'ora, un meritato successo all'Autrice in attesa del prossimo romanzo! :D

Veniamo al libro. 
L'Autrice intaglia una nuova storia, ispirata ma rispettosa dell'universo del quale è svelata ammiratrice; sebbene il soggetto sia forte di una profonda conoscenza dei romanzi sopra citati, non è affatto semplice per una giovane scrittrice di oggi, descrivere luoghi, tempi e costumi a lei estranei...la passione non è sufficiente a riempire lo spazio fra i dialoghi, ma Sara ne ha fatto materia di studio, regalandoci precisi dettagli e relazioni, inducendoci da subito a dimenticare l'origine italiana e, soprattutto, attuale del romanzo che stiamo leggendo.



Il BookTrailer

Sin dal principio, trama, paesaggi e personaggi ci prendono per mano, conducendoci lungo i cari sentieri dei romanzi austeniani e brontiani...l'atmosfera è la stessa che ricordiamo di quelle note letture, la storia ci è immediatamente familiare e tutto ciò avvolge l'attenzione accelerando lo scorrere degl'occhi sulle pagine e, quasi senza accorgercene, ci sorprendiamo ad incalzare gli eventi, infervorati dal presentimento di sapere esattamente cosa succederà di seguito, invece, repentinamente disarmati dalla soluzione scelta dall'Autrice, la quale sembra approfittare di questa presunta prevedibilità per aumentare l'effetto sopresa...e ci riesce perfettamente!
Jane Leighton, la giovane protagonista, somiglia molto alla Lizzy di Orgoglio e Pregiudizio quando sostiene orgogliosa la propria indipendenza e rifiuta la vantaggiosa proposta di un ottimo partito, somiglia un poco Jo March di Piccole Donne quando si costringe in disparte durante un sontuoso ballo e somiglia davvero molto Jane Eyre quando, prima nei panni di una cameriera, poi di un'istitutrice, sfida l'animo imperscrutabile di Mr Hench, tra le stanze della sua austera tenuta.
Mr Wendell Hench, il protagonista maschile, è il carattere da comprendere, un interessante connubio di Mr Darcy e Mr Rochester, certamente dotato del fascino di entrambi e vestito del mistero del secondo; è un degno avversario di Jane nei dialoghi, duelli verbali che segnano i passi verso la comprensione dei loro stessi caratteri, come Zia Jane insegna. Uno degli scambi più brillanti: 

Egli si voltò di scatto, cogliendo l’espressione degli occhi di Jane che lo
stavano passando in rassegna.
«C’è qualcosa che vi turba?» le chiese, con quel suo ghigno superbo.
«Affatto, signore».
«Eppure mi sembrava di avervi letto negli occhi una domanda».
«Non ho nessuna domanda».
«Allora, il vostro era semplice interesse verso la mia persona».
«Non lo credo possibile, signore».
«Mi stavate guardando».
«Guardo anche le scale, quando le percorro, signore. Ma in loro non c’è
nulla che mi interessi».
Il signor Hench soffermò i suoi occhi sul viso di lei per qualche secondo.
Quindi tornò a fissare davanti a sé. «Forse siete interessata al non
cadere. In realtà, Jane, tutto ciò che desta l’attenzione dei nostri occhi ci
riesce solo perché il nostro cervello trova in esso qualcosa di interessante,
per i più svariati motivi».
Jane sospirò. «Venite al punto, signore. Sostenete di avere qualcosa da
darmi, e ora voglio sapere di cosa si tratta. Anche se non credo che ci
sia qualcosa in vostro possesso in grado di interessarmi».
Il signor Hench infilò una mano nel taschino interno della giacca ed estrasse
una piccola lettera, color rosa, con un sigillo in ceralacca purpurea,
dall’aspetto estremamente raffinato. «Nemmeno questa?»
Jane assottigliò lo sguardo con diffidenza. «Di cosa si tratta?» chiese,
evitando di ammettere di conoscere, con una segreta speranza, benissimo
di cosa si trattava.
«Una lettera per voi».
«Questo lo vedo. Di chi è?»
«Non lo indovinate, Janet?»
«Il mio nome è Jane, signore».

Alle frequenti schermaglie fra i protagonisti, si aggiungono i ruoli necessari alla trama dei personaggi secondari, il tutto allacciato dal filo del Mistery da svelare, ultimo ingrediente occorrente al completamento di un buon romanzo.
L'Autrice sceglie una scrittura priva di ridondanze, dove dominano i dialoghi fra i personaggi, le descrizioni introduttive ad essi ed i pensieri della protagonista; l'Aldegheri, forse, sente la necessità di un ritmo più veloce preferito dai lettori contemporanei, o forse, vuol sottintendere la familiarità di questi con la fonte d'ispirazione letteraria da cui prende spunto, ad ogni modo, il romanzo mi ha convinta a considerarlo nella rosa dei sequel e derivati per il valido esercizio figlio della lezione austeniana, come per la capacità di evocare le atmosfere del romanzo della Brontë, insomma, un gioiellino tutto italiano per la mia Collezione spinoffiana!
Alla storia non manca niente per appartenere di buon grado a questo particolare e fertile sotto-genere ormai universalmente accettato come "Regency Romance", sebbene il peculiare background descritto gli valga la giusta appartenza al "Romanzo Storico"; la componente evocativa delle fonti Austen-Brontë unitamente al lato romantico della trama mi esorta a conferirgli questo ulteriore titolo.
Per concludere, solo il mio personalissimo, quanto trascurabile suggerimento alla giovane promettente Autrice, e dunque, dopo questo dovuto ed ossequioso esordio, di lasciare più spazio all'invenzione così da farlo più suo, operazione, ne sono certa, che riuscirà spontanea e avrà esito sicuramente positivo.

Infine, per quanto possa valere il mio sostegno virtuale, il mio augurio di Buona Fortuna a Sara!!!

Scheda
Titolo: La collina più alta
Autore: Aldegheri Sara 
Editore: Zerounoundici 
Collana: Selezione 
Pubblicazione: Marzo 2011 
ISBN: 8863071012 
ISBN-13: 9788863071016 
Pagine: 224 
Formato: brossura 
Genere: Narrativa storica
Prezzo: Libro € 15,00 | Ebook € 7,49
Tutte le info sul sito dell'Autrice:
http://saraldegheri.blogspot.com/

Trama
Siamo nel sud dell'Inghilterra, è il 1768. Jane ha vent’anni, è una ragazza di buona famiglia, con le idee ben chiare. Ha due sorelle: la maggiore, Elaine, si è appena sposata; la minore, Emma, non vede l'ora di farlo. L'aria di casa, infatti, sta diventando decisamente pesante per tutte e tre: alcuni cattivi affari del capofamiglia e le frequenti malattie immaginarie della moglie stanno minando pesantemente la stabilità familiare. Jane ha un pretendente, ma sa benissimo che non è "una buona sistemazione" ciò che la farà felice. Sfidando le ire della madre e i silenzi di coloro che non esitano a voltarle le spalle, decide di rifiutare la proposta di matrimonio. E quando il padre si ammala gravemente e viene alla luce una verità terribile per tutte le donne della casa, è Jane ad essere incolpata della disgrazia che precipita sulla sua famiglia.
Non più libera, senza più un soldo, costretta a contare solo sulle sue forze, Jane deve imparare a vivere al servizio di un uomo che da alcuni mesi ha messo gli occhi su di lei. Enigmatico, scontroso, eterno provocatore: non è per nulla semplice capire il signor Hench. Ma è proprio grazie a lui che Jane troverà davvero la sua strada...

L'Autrice
Sara Aldegheri - L'Autrice
SARA ALDEGHERI è nata a Verona nel 1985 dove vive ancora oggi. Dopo la laurea ha lavorato come editor e redattrice. Ora ha cambiato settore, ma continua a dedicarsi alla scrittura nel tempo libero. Questo è il suo primo romanzo, di cui aveva fatto una prima stesura a 19 anni, durante il primo anno di Università. Dopo averlo abbandonato per molto tempo, solo recentemente si è convinta a riprenderlo in mano, rivederlo e inviarlo alla  Zerounoundici, che ha deciso di pubblicarlo. Per il futuro Sara ha molte altre storie in mente, tutte ambientate in epoche passate.

Un ottimo romanzo per una giovane esordiente, un'ottima lettura per Janeites e Brontë addict!!!
A presto care!

You Might Also Like

15 Impressions

  1. Curioso...un'italiana in un'atmosfera british...deve essere interessante, soprattutto per chi come te è un'appassionata! ^^
    Mia cara, passavo a salutarti!!!!Un bacione!

    RispondiElimina
  2. My dearest, da quanto tempo questo romanzo è nella mia lista desideri?...
    Sì, anch'io sono dell'idea che la creatività debba essere sostenuta, incoraggiata, acquistata - soprattutto se si tratta di donne e connazionali, che scrivono con passione di un argomento sul quale sono evidentemente molto sensibile!
    Perciò, quando finalmente questo libro sarà tra le mie avide manine, non mancherò di leggerlo con molto entusiasmo (lo stesso che traspare dalla tua ottima recensione!).
    Brava Sara per il tuo romanzo!
    E Brava MissClaire per averci raccontato con passione e precisione la tua esperienza di lettrice (librovora e Janeite irrecuperabile!).

    RispondiElimina
  3. Ah...non tarderò ad acquistare il libro!
    Che bello!
    Loredana

    RispondiElimina
  4. Sembra davvero interessante, penso che lo prenderò anche se aspetto con ansia quello "North and South"!
    Invece non riesco a trovare i libre della Heyer...dovrò cercarli tra quelli usati o in qualce libreria di nicchia perchè da Feltrinelli sono considerati fuori catalogo(sigh!).
    Ciao,ciao
    Mery

    RispondiElimina
  5. Claire, scrivo questo commento con immensa gratitudine e con molta emozione. La fiducia e l'entusiasmo con cui avevi accolto l'uscita del mio libro mi avevano già profondamente colpita...ma oggi, con questa analisi, mi hai definitivamente conquistata! Ti ringrazio di cuore per queste parole, e per aver creduto in me ancora prima di conoscermi. Accolgo anche molto volentieri il tuo suggerimento ;-) sono d'accordo, è tempo di fare qualche passo più in là... la tua rinnovata fiducia, anche in questo caso, mi regala un grande coraggio.

    Ringrazio e abbraccio anche a Strawberry, Sylvia e Loredana.

    Sara

    RispondiElimina
  6. @Sara (L'Autrice ed Ospite d'Onore!): Sapevo che il mio entusiasmo era ben riposto! :D Aggiungerò la recensione anche su aNobii e, prossimamente, anche in un altro Salotto speciale di cui ti informerò (sorpresa!). Sono davvero fiduciosa nelle tue capacità, sei giovanissima ed hai tutto il tempo per divenire la nostra Barron o Aidan italiana! E così saranno gli inglesi e gli americani a dover tradurre i tuoi libri! ;)

    Devo ancora scriverti una mail riguardo alle mancanze della Feltrinelli pisana, oltre che all'Amazon nazionale! ç_ç
    Passa a trovarmi quando vuoi, sei ognora la benvenuta nel modesto Salotto di questa tua fan! ;)

    @Strawberry: mia cara, come stai? Sono stata un pò assente, ma passerò presto da te! Nel frattempo, un baciotto! :*

    @Sylvia: My Dearest...sono ancora senza parole per quello che tu sai che io so...(e come vedi, anche un bel pò confusa...)! Sapevo che avresti condiviso il mio supporto ai giovani talenti, in particolare, quando si tratta di talenti italiani e, da non trascurare, della nostra materia preferita!!! :***

    @La Comtesse: attenderò il tuo parere assieme a Sara! :)

    @Mery: Ahimé, la Feltrinelli ha solo poche ristampe della Heyer, per esempio 'Il Gioco degli equivoci', però su Amazon si trovano diversi titoli, inoltre, ti consiglio di sbirciare nei siti di librerie dell'usato, contengono preziosi bottini! Tramite aNobii, per esempio, ho contattato una Libreria di Trento ed ho fatto man bassa di titoli della Heyer a metà prezzo!!! ;) Buona caccia e a presto cara! :)

    @Tutti: Riguardo a questo libro...PASSATE PAROLA!!! :D

    RispondiElimina
  7. @The Lizzies: Brave, così facciamo tre reviews! ;)

    RispondiElimina
  8. @Miss Claire: chi ti h detto che sono tre?
    o_O

    RispondiElimina
  9. @Gabriella: Sono veggente, cara, uno dei miei tre superpoteri! :**

    RispondiElimina
  10. Forse siamo tre, forse no...
    Presto vi daremo nostre notizie! ;)

    RispondiElimina
  11. Spero di trovarlo in libreria: sto uscendo apposta per prenderlo! Grazie per la recensione, ottima e coinvolgente!! E auguri a Sara per la sua carriera! Son sicura che il libro sarà un successo... non vedo l'ora di averlo tra le mani!!

    RispondiElimina
  12. Bella recensione! Non vedo l'ora di leggerlo!!!

    ;-)

    RispondiElimina
  13. ok signorina Claire inse2: fra i libri da metter in valigia ^.^

    RispondiElimina

"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine." — Virginia Woolf

Puoi leggermi su

Follow

Follow my blog with Bloglovin


Paperblog

Aggregatore

Blog Directory

http://www.wikio.it


Miss Claire Queen

Disclamer

L'autore di questo blog si riserva di eliminare senza preavviso i commenti che siano illeciti, volgari, lesivi della privacy altrui, con contenuti di spam, ispirati da odio razziale, che possano recare danno ai minori, che contengano dati sensibili, che siano lesivi di copyright, che non siano correlati all'articolo cui si riferiscono.

Questo blog viene aggiornato senza una periodicità prestabilita quindi, ai sensi della legge n°62 del 07/03/2001, non è un prodotto editoriale o una testata giornalistica.

Le icone pubblicate sono state prelevate dalla rete attraverso il motore di ricerca Google. Chiunque si trovi violato nel copyright non ha che da comunicarlo, verranno eliminate immediatamente.

Ospiti e passanti

La grafica di questo blog è curata da Petra Zari aka Miss Claire Queen [© 2015], non ne è permessa la copia o la riproduzione anche parziale dei contenuti, che siano testi o immagini.

SE AMI IL MIO STILE e hai un blog che vuoi svecchiareSCRIVIMI!

Sfoglia il mio Portfolio!