GdL: Nord e Sud - Prima Tappa

sabato, aprile 14, 2012

Carissimi Ospiti e partecipanti a questo Gruppo di Lettura,

eccoci finalmente alla Prima Tappa di "Nord e Sud" di Elizabeth Gaskell, nella curatissima prima edizione italiana della Jo March Editore!

Prima di tutto vi chiedo:
Avete il libro con voi?
Avete preparato il segnalibro?
Siete pronti ad immergervi nel passato vivendo uno dei periodi più importanti nella Storia del progresso tecnologico dell'umanità?
E di conoscere le conseguenze positive e, ahimé, negative dell'Industrializzazione nella Società Inglese e successivamente, come ben sappiamo, nel nostro stesso Paese?
L'importanza di questo parallelo tra Nord e Sud ci riguarda da vicino ancora oggi e questa lettura, spero, stimolerà un punto di vista nuovo sulle diversità e somiglianze tra il panorama storico-sociale inglese e quello nostrano e, naturalmente, tra Nord e Sud di entrambi i Paesi.
Dickens promosse sul suo giornale quest'opera a puntate, consacrandone il valore come romanzo sociale, ma la storia reale s'intreccia con quella dei personaggi d'invenzione, chissà dove ci condurranno i protagonisti di Nord e Sud e quali emozioni trasmetteranno ad ognuno di noi... non siete curiosi?

Ebbene, bando alle ciance, una comoda poltrona appartata, una tazza di buon tè e via alla lettura!!!
CALENDARIO LETTURA
Prima Tappa
14/20 Aprile 2012
Capitoli I - X
Seconda Tappa
21/27 Aprile 2012
Capitoli XI - XX
Terza Tappa
28 Aprile / 4 Maggio 2012
Capitoli XXI - XXX
Quarta Tappa
5/11 Maggio 2012
Capitoli XXXI - XXXIX
Quinta Tappa
12/18 Maggio 2012
Capitoli XL - LII (fine)

Aspetto i vostri commenti, appunti e confronti!
Buon inizio lettura dalla vostra Claire!

You Might Also Like

29 Impressions

  1. premio per il blog http://whisperlavocedeltempo.blogspot.it/2012/04/nuovi-premi-per-il-whisper.html :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che meraviglia!!! *__*
      GRAZIE di CUORE Danielle!
      Ti ringrazierò come meriti in un prossimo post, ti ringrazio davvero per aver pensato al mio Salottino!
      ^_^

      Elimina
  2. Evviva, siamo partite! ...per di più in un salotto rinnovato: complimenti, my dearest!
    Ci rivediamo presto per i commenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. My Dearest,
      grazie per i complimenti!!! :D
      E' solo un piccolo restyling ma ci voleva!
      Vado a leggere anch'io e attendo i commenti in settimana alla prima tappa!
      Baciotti, dear e buon inizio settimana!
      :*

      Elimina
  3. Comincio oggi, domani al massimo! ^__^

    (Del resto, cara Claire lo sai che per me N&S non è una sorpresa, anche se sono ugualmente curiosa di leggerlo in italiano!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoroooo!!! Che bello averti Ospite di nuovo nel mio Salottino! ^__^
      La tua attenta analisi della traduzione sarà importantissima per il Gruppo! :*

      Elimina
  4. Oh che bellezza questa nuova grafica... poi del mio colore preferito... Io ho iniziato ieri sera... Che meraviglia questo romanzo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara,
      sono felicissima che ti piaccia la nuova, o meglio, il restyling del Salotto!
      Sono felice altresì che il romanzo ti piaccia!!! ^_^
      Attendo i commenti a fine tappa! Buona lettura cara!

      Elimina
  5. Devo dire che Margaret mi ha fatto tanta tenerezza all'inizio del romanzo... Prima è per anni la dama di compagnia della cugina e della zia... Poi torna a casa e la attende la rivelazione del padre (che comunque mi piace come personaggio) e l'assoluta inettitudine della madre e di Dixon capaci solamente di lamentarsi. E' veramente resa alla perfezione la differenza di ritmi di vita tra il Nord industriale e il sud agricolo... Non ci sono solo delle differenze di ritmo di vita ma anche di colori, di odori... Il sud con i suoi paesaggi meravigliosi e il nord con il suo fumo che sporca le tendine della povera signora Hale. Il pregiudizio verso l'altro in questa fase iniziale è ben delineato anche se quelle che possono sembrare delle mancanze di cortesia oppure di educazione sono in realtà solamente abitudini diverse. Emblematico è l'incontro con Bessy e suo padre. Per Margaret è naturale proporre una sua visita, anche se li ha appena incontrati. Nel suo sud era spesso accanto ai malati e ai bisognosi, che richiamavano anche a gran voce le sue attenzioni, mentre ora nel Nord questa sua eccessiva confidenza, può essere considerata come una scortesia... anche se poi è riuscita ad instaurare già in quel primo incontro, un contatto umano, quello che infondo Margaret desiderava, con Bessy e suo padre.
    Mi ha intrigato anche leggere del primo incontro tra la protagonista e Mr Thornton, il cui vissuto mi sembra assai interessante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il personaggio di Margaret è ancora intatto nella sua ingenuità, eppure, contiene quella semplicità, quell'attitudine alla vita, quel coraggio innati che già cominciano ad emergere dal loro stato latente! Un personaggio che assomiglia a molte delle mie eroine preferite, cionostante, è unica nel suo genere, non credi? :)

      Le differenze di paesaggio e, come hai ben notato tu, di colori, di profumi e odori, di suoni persino, tra Nord e Sud sottolineano la lontananza di abitudini, di quotidianità, il ritmo convulso e crescente del progresso industriale del Nord e la sospensione temporale in un passato recente del Sud; siamo di fronte alle antitesi di Giano, il capo bifronte dell'Inghilterra vittoriana di fronte al bivio tra la stabilità del passato e l'imprevedibilità del progresso. Potremmo dire lo stesso della nostra Italia, qualche anno dopo, forse, persino oggi, viste le grandi divergenze che ancora sopravvivono tra il nostro Nord e Sud, che ne pensi?

      Elimina
    2. Margaret è una donna molto forte secondo me. Sa affrontare le situazioni che le si pongono davanti, anche se non le piacciono. Non ha paura di rimboccarsi le mani e prende delle decisioni e delle responsabilità che forse spetterebbero più a sua madre. Non si tira indietro se si tratta di aiutare Dixon nei lavori domestici, di scegliere una nuova casa, di informare la madre della decisione del padre... Quindi anche io trovo in lei quella attitudine alla vita, quel coraggio e quella semplicità di cui parli... Penso che nell'Italia di qualche anno dopo ci siano state molte famiglie in una situazione simile a quella degli Hale, mi viene in mente a tutte le persone che hanno lasciato il sud del nostro paese per trovare un lavoro nelle fabbriche del nord per esempio... Penso che queste differenze quindi si possano riscontrare come alcuni pregiudizi... E' anche vero che le attività economiche del nord e del sud, attività intorno alle quali poi ovviamente si costruiscono le opinioni e le abitudini di vita della gente, siano diverse... Il nord del nostro paese è prevalentemente industriale mentre le industrie nel sud sono pochissime e le poche che erano state costruite sono dismesse...Penso alle fabbriche in Campania, nel napoletano. Inoltre a volte passa (soprattutto al nord) anche lo stereotipo che la gente del sud sia meno propensa al lavoro, al sacrificio e questo in parte mi ricorda la descrizione degli abitanti del sud nel romanzo e nella miniserie...
      Ci sono alcune differenze tra la miniserie e il romanzo... alcuni particolari sono diversi, per esempio è differente il primo incontro tra Margaret e John, la presenza della madre di Margaret alle nozze della cugina (ma in una scena abbiamo compreso il rapporto che lega Maria a sua sorella e la differente scelta che hanno compiuto : una si è sposata per amore l'altra per interesse. Ma ognuna sembra invidiare la situazione dell'altra...)
      E' differente anche il primo incontro tra Margaret e gli Higgins

      Elimina
    3. Ottima analisi, cara.
      In effetti, l'invidia fra le due sorelle, la madre e la zia di Margaret, ha anche lo scopo di evidenziare la differenza dei destini di queste scelte: all'epoca era, ovviamente, auspicabile il cosidetto "matrimonio di convenienza", soprattutto riferito alle donne, la conservazione o l'acquisizione del titolo nobiliare, la somma di proprietà e patrimoni, era gli imperativi del matrimonio, in quanto all'amore, non era quasi preso in considerazione, anzi, diveniva una situazione deprecabile, spesso associata alla rovina! Credo che la Gaskell, abbia voluto sottolineare queste due realtà: la scelta d'amore e povertà di mezzi e la scelta di convenienza scevra di felicità.
      Beate noi! ^_^

      Il paragone tra Nord e Sud d'Inghilterra e d'Italia è davvero d'obbligo, così come la migrazione delle nostre genti, prima dedite alla sola agricoltura, verso l'industrie nel settentrione per guadagnare qualcosa di più per la sopravvivenza della famiglia.

      Anche il paesaggio corrisponde in gran parte, identità di due luoghi dal diverso, opposto destino.

      Higgins ha notato subito la sensibilità e, forse, anche l'ingenuità di Margaret al primo incontro, credo che proprio in quella comprensione d'animo risieda già la sua apertura al dialogo futuro, tra individui di pari dignità, piuttosto che fra operai e padroni.

      Anche John, pur nella sua fermezza d'intenti, ha in sé la sensibilità ed il rispetto per la natura umana che saranno determinanti nel dialogo con i suoi sottoposti, probabilmente per il suo passato difficile, dov'egli per primo è stato commesso di negozio per necessità di sopravvivenza.

      Elimina
    4. Sono perfettamente d'accordo con la descrizione di Higgins e di John... Diciamo che loro come Margaret hanno quelle caratteristiche che possono portare al dialogo finale tra Nord e Sud e padroni ed operai... come mostra benissimo la miniserie...

      Elimina
    5. Vero, la miniserie rende meravigliosamente questo concetto! :)

      Elimina
  6. Non ho saputo resistere e ho rivisto la prima puntata della miniserie... Meravigliosa... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^__^ Hai fatto benissimo! Hai trovato qualche differenza fra la serie ed il libro?

      Elimina
  7. Ovviamente mi aspettavo che la trama del libro si discostasse dalla versione televisiva della BBC, ma un personaggio che a mio avviso risulta davvero diverso, meno musone e cupo, rispetto a quello interpretato sul piccolo schermo è sicuramente quello di Henry Lennox.
    Mi sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, devo aggiungere, però, che, vuoi per esigenze di riduzione televisiva, vuoi per l'interpretazione che ne ha fatto il regista, i personaggi del libro sono tutti meravigliosamente ritratti, sino nei dettagli, tanto che mi è impossibile dimenticarmene carattere e persino aspetto, siete d'accordo?

      Elimina
  8. Utilizzo tre aggettivi per descrivere le mie prime impressioni: bello, nostalgico, attuale.
    Bello perché è una storia di vita, di sentimenti e di amicizia, scritta bene con una trama che scorre e coinvolge fin dall’inizio. Nostalgico per la descrizione della campagna inglese (sembra di viverci!!), degli interni delle case di una volta e della tristezza delle città delle ‘ciminiere’. Attuale perché nonostante i circa centocinquanta anni dalla scrittura del romanzo, il divario tra nord e sud oggi più che mai supera i confini di una nazione e rappresenta lo squilibrio globale della nostra epoca in cui arricchire un nord significa impoverire e mantenere in miseria un sud del mondo.
    Vivo nel meridione (in provincia di Napoli) ed in campagna (alle falde del Vesuvio) nel ‘pieno’ di tutti gli stereotipi possibili sui divari che caratterizzano l’Italia. A sentirli alle volte viene da ridere, altre da piangere, ma lezioni di vita come quella di romanzo come questo possono contribuire a far conciliare le menti e le opinioni.
    Margaret è un’insieme di tanti personaggi, eroine note e meno note della letteratura inglese. E difficile non provare tenerezza verso una persona che reagisce in maniera così dolce ad tale stravolgimento della sua vita riuscendo anche ad essere risoluta e pratica nei momenti necessari. Il suo è un ruolo forte di figlia che da un lato pensa a proteggere la propria madre e dall’altro giustifica e non condanna il padre. Ma d’altra parte chi lo farebbe?
    Mi piacerebbe condividere con voi pareri sui padri e madri di queste eroine, che spesso mi sembrano così simili gli uni agli altri. Di questo papà ad esempio ammetto di non aver ancora un’idea chiara: e’ troppo debole ed egoista o semplicemente vittima di un’onestà incondizionata? Forse la risposta la troveremo più avanti…
    p.s. Mi aiutate a capire come vedere la miniserie? Grazie e...alla prossima tappa …!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima,
      mi ritrovo in tutto quello che hai detto, come ho già scritto altrove, questo romanzo avrebbe dovuto vedere un'edizione italiana decenni fa, esattamente per la somiglianza di storia, paesaggio e tema sociale nel periodo in cui è ambientato, tra Inghilterra ed Italia.

      Margaret è un connubio di eroine, ha la risolutezza di Jo March, la sensibilità di Marianne, il senno di Elinor, l'orgoglio e l'intelligenza acuta di Lizzy, la capacità organizzativa di Emma, direi anche la pazienza di Anne.
      In una parola: ADORABILE!

      Suo padre è esattamente vittima della propria onestà d'animo, come dici tu, un po' egoista (ma quale uomo non lo è?) e un po' codardo (delega la figlia ai compiti più gravosi di cui lui stesso è il fautore), ma anche la madre è particolare, sebbene il suo egoismo, come quello di non confidare alla figlia e al marito della propria malattia, sia la maschera dell'altruismo più alto; anche il suo personaggio è distante da Margaret, quasi l'avesse sostituito con la fedele Dixon (altro personaggio particolare), poi che dire dell'affetto spropositato per il figlio Frederick? Quasi esclude la figlia dal suo affetto quando parla del primogenito, anche questa disegualglianza affettiva sarà un'altra battaglia di Margaret per la conquista del suo posto nella famiglia.

      Elimina
    2. Dimenticavo cara!
      Per vedere la miniserie, ti invito ad iscriverti a questo forum dedicato, cui collaboro con la cara Anna/Miss Cissy, ecco il link:

      Period Drama Town

      oppure, puoi vedere le 4 puntate sul mio canale di YouTube con i sottotitoli italiani:


      North & South

      Elimina
  9. Chissà che il padre di Margaret non richiami fortemente il padre della stessa Gaskell, visto che la scrittrice era figlia di un ministro del culto Unitariano (i cosiddetti dissidenti) che visse egli stesso una crisi spirituale simile a quella di Mr Hale, che lo portò ad abbandonare gli ordini.

    Riguardo alla Natura, essa è sempre presente nelle opere di Elizabeth Gaskell e - come spesso accade nella letteratura romantica dell'ottocento - essa rispecchia gli stati d'animo dei personaggi, diventando personaggio essa stessa, oltre ad essere una delle tante caratteristiche che differenziano il Nord dal Sud in questo romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara Gee,
      credo che sia esattamente qui il personaggio di Mr Hale, ce lo conferma la crisi mistica iniziale che mette in moto il grande cambiamento! :)

      Verissimo! La Natura è legata a doppio filo con i sentimenti e le situazioni del romanzo!
      Più avanti, la stessa Bessy, interpreterà il carattere di Margaret attraverso la descrizione del luogo di appartenenza, come se ciò ne determinasse la formazione caratteriale, in questo c'è del vero, in effetti!

      Cosa mi dici degli altri personaggi, cara? ^_^

      Elimina
  10. Ho spesso notato le somiglianze fra questo romanzo e Orgoglio e Pregiudizio: la figura di Mr Hale è un dei tanti punti in comune: seppur non vivace e ironico come Mr Bennet, Mr Hale ha la stessa sorta di indolenza, di neghittosità, che tende a scaricare i compiti più gravosi su spalle forse meno robuste ma più generose, rinchiudendosi in se stessi quasi a voler lasciar scorrere la vita al di fuori, senza prendersi la responsabilità di viverla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, ho notato le stesse somiglianze e differenze, in qualche modo, però, aggiungerei (come scritto altrove) un pizzico di codardìa, alla "Don Abbondio" se vogliamo, per cui in parte si sente colpevole delle proprie azioni che coinvolgono la famiglia ma non abbastanza coraggioso o onesto per affrontarle apertamente, soprattutto, di fronte alla moglie, ecco che si appoggia alla figlia... Ma se in O&P, Lizzy ha il sostegno del padre contro i capricci della madre, qui è Margaret a sostenere il padre, fungendo da mediatrice di una coppia, che a mio avviso, dovrebbe essere più complice, visto il matrimonio "d'amore"!

      Elimina
    2. Sì, il matrimonio d'amore... ma come Zia Jane docet quando la famiglia arranca finanziariamente - nonostante ci sia l'amore - arrivano le recriminazioni, il rimpianto per non aver fatto un matrimonio più avveduto, soprattutto quando Mrs Hale ha al suo fianco la fida Dixon, che la pungola in continuazione, ricordandole le sue origini nobili!

      Elimina
  11. ciao a tutte, ho trovato questo GdL partendo dal sito Period Drama Town. Premetto che da poco ho scoperto la serie BBC, che mi è piaciuta moltissimo, e ancor di più mi è piaciuto il romanzo che subito dopo ho letto; che peccato non essere ancora riuscita a trovare una copia in italiano! Ne sto approfittando allora per rileggere la versione originale. Curiosando sul web, ho trovato l'estratto del capitolo 7 sul sito della casa editrice, e ho notato un errore di traduzione, spero lo abbiano corretto nella versione stampata: nell'ultima pagina del capitolo, la frase "Quasi si disse che non le piaceva, prima che la loro conversazione finisse", in realtà dovrebbe essere "Quasi si disse che non GLI piaceva", altrimenti non avrebbe senso tutta la frase.. e del resto in originale è "He almost said to himself that he did not like her".
    scusate se sono pedante, ma visto che non ho la copia del libro in italiano, sono curiosa di sapere se è stata modificata la traduzione rispetto all'anteprima! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta cara! ^__^
      Scusa il ritardo della mia risposta, sono stata fuori casa per qualche giorno.
      Confermo la correzione della versione definitiva, purtroppo, la Casa Editrice ha dovuto ritardare l'uscita proprio per alcuni problemi sulla traduzione, ma non so dirti di più a riguardo.
      Ad ogni modo, ti assicuro che la versione definitiva è curata nei particolari, con una prefazione, nota di traduzione, biografia dell'autrice e molte note sul testo, vale la pena acquistarlo, dato che si tratta di una prima edizione italiana!
      Puoi ordinarlo direttamente sul sito della casa editrice (trovi i link nel post qui sopra e anche in colonna qui a fianco), non ti pentirai di questo acquisto! ;)

      La Jo March è attenta al giudizio dei lettori, dunque, un parere sulla traduzione sarà certamente preso in considerazione, se avrai qualche suggerimento sull'edizione cartacea rispetto all'originale, scrivila pure qui, la Jo March ha il mio link diretto sul sito, dato che collaboro con loro. :)

      Visto che hai letto il libro, se vuoi, puoi commentare ugualmente le tappe del GdL, ogni voce aggiunta al coro è motivo di confronto! ;)

      Elimina

"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine." — Virginia Woolf

Puoi leggermi su

Follow

Follow my blog with Bloglovin


Paperblog

Aggregatore

Blog Directory

http://www.wikio.it


Miss Claire Queen

Disclamer

L'autore di questo blog si riserva di eliminare senza preavviso i commenti che siano illeciti, volgari, lesivi della privacy altrui, con contenuti di spam, ispirati da odio razziale, che possano recare danno ai minori, che contengano dati sensibili, che siano lesivi di copyright, che non siano correlati all'articolo cui si riferiscono.

Questo blog viene aggiornato senza una periodicità prestabilita quindi, ai sensi della legge n°62 del 07/03/2001, non è un prodotto editoriale o una testata giornalistica.

Le icone pubblicate sono state prelevate dalla rete attraverso il motore di ricerca Google. Chiunque si trovi violato nel copyright non ha che da comunicarlo, verranno eliminate immediatamente.

Ospiti e passanti

La grafica di questo blog è curata da Petra Zari aka Miss Claire Queen [© 2015], non ne è permessa la copia o la riproduzione anche parziale dei contenuti, che siano testi o immagini.

SE AMI IL MIO STILE e hai un blog che vuoi svecchiareSCRIVIMI!

Sfoglia il mio Portfolio!