GdL: Nord e Sud - Terza Tappa

sabato, aprile 28, 2012

Carissimi Ospiti e partecipanti a questo Gruppo di Lettura,
benvenuti alla Terza Tappa di "Nord e Sud" di Elizabeth Gaskell, nella curatissima prima edizione italiana della Jo March Editore!
Ma prima di continuare la lettura di quest'appassionante romanzo vittoriano, vi invito a commentare la prima e la seconda tappa ai  relativi post:

 RIFLETTENDO SULLA SECONDA TAPPA: 
Un primo giudizio su Mr Thornton??? :) 
E sulla madre? E' un personaggio negativo o positivo secondo voi?
La vostra first impression sulla città di Milton?
Quali sono le riflessioni ha generato la lotta fra padroni e operai che sembra non trovare soluzione nella cittadina di Milton? 
Abbiamo conosciuto Mr Higgins e sua figlia Bessy, quali differenze trovate nei due atteggiamenti di fronte ai propri destini? 
Margaret è decisamente l'anello mancante a Milton, la persona obiettiva, poiché nuova a quel mondo industriale, necessaria a mediare, ad instaurare il dialogo tra le parti, siete d'accordo? 
Le prime schermaglie tra Margaret e John hanno rivelato in parte il loro carattere, ma se la prima dichiara di non apprezzarlo come uomo nonostante i suoi meriti, il secondo sembra vittima di un colpo di fulmine sin dal primo incontro. Voi cosa ne pensate? 
Il rapporto di Margaret con i suoi genitori è molto diverso, il suo rammarico di esser stata lontana da loro per tutti quegli anni la sprona a recuperare il suo posto di figlia, eppure ci sono molti ostacoli in questo processo, li avete notati? Quali sono secondo voi?

Questa terza tappa, sono certa, risponderà già a molte domande, dunque, non mi rimane che attendere le vostre impressioni e lasciarvi alla lettura!
CALENDARIO LETTURA
Prima Tappa
14/20 Aprile 2012
Capitoli I - X
Seconda Tappa
21/27 Aprile 2012
Capitoli XI - XX
Terza Tappa
28 Aprile / 4 Maggio 2012
Capitoli XXI - XXX
Quarta Tappa
5/11 Maggio 2012
Capitoli XXXI - XXXIX
Quinta Tappa
12/18 Maggio 2012
Capitoli XL - LII (fine)
Buona terza tappa! Claire!
 Link Utili
Jo March Agenzia Letteraria - dove potete acquistare la copia di Nord e Sud

You Might Also Like

10 Impressions

  1. Ciao,se ti va di passare sul mio blog La stanza di Virginia c'è un premio per te!

    RispondiElimina
  2. Buon pomeriggio a tutti... Triste e ricca di emozioni è stata questa tappa...
    Un po' mi è dispiaciuto per come Margaret ha rifiutato il povero John... Mi è dispiaciuto un po' anche per Margaret che è diventata oggetto di un pettegolezzo da parte della servitù per un gesto di pura umanità. La ragazza è veramente coraggiosa e ha quelle doti che servono, secondo Mrs Thornton per vivere a Milton. La madre di John ama il figlio in una maniera meravigliosa... lo appoggia nonostante le sue scelte la facciano soffrire... E' una madre un po' gelosa ma comunque non ostacola il figlio, opponendosi a lui... Vuole la sua felicità e soprattutto, sapendo bene quanto valga suo figlio, si indigna se qualcuno non lo stima.
    Mi è piaciuto anche il suo modo di relazionarsi con Mrs Hale malata... Ha compreso benissimo che era ormai al tramonto e nonostante tutto si è offerta di occuparsi di sua figlia.
    Un particolare encomio va anche a John, che nonostante il rifiuto, non riesce a non stare accanto a Margaret, anche se i loro sguardi non si incontrano mai, e a fare delle piccole gentilezze alla madre di lei...
    Iniziamo a vedere il suo vero essere dietro il freddo e cinico industriale, che Margaret giudicava anche troppo severamente.
    Emozionanti le scene che lo ritraggono dopo il rifiuto di lei. A volte ho pensato ad Elizabeth e Darcy.
    E finalmente è arrivato anche Frederick... che devo dire mi è piaciuto moltissimo accanto alla sorella... Si percepisce un legame tra di loro, anche se sono cresciuti separati... Certamente la madre non prova per sua figlia lo stesso affetto che nutre per il suo primogenito... ma del resto Margaret è quasi un'estranea nella sua famiglia.
    Mi ha colpito una frase di Margaret che si rammarica di perdere la madre proprio ora, ora che la madre iniziava ad amarla e lei stessa iniziava a comprendere e a capire la madre. Mi ha colpito anche il fatto che Margaret stremata dalla perdita della mamma, sia diventata l'angelo della consolazione di suo fratello e di suo padre, diventando ancora una volta colei che prende in mano la situazione e la affronta con coraggio... Una grande eroina...
    E' morta anche Bessy e suo padre mi ha colpita moltissimo. Nicholas è un uomo molto intelligente e ho particolarmente apprezzato il suo dialogo con Mr Hale e Margaret...
    Una nota stonata nella vicenda è la lettera di Edith che ormai conduce un'esistenza lontana anni luce da quella di Margaret, un'esistenza spensierata e a tratti frivola... Decisamente fuori luogo i suoi inviti alla cugina in quel momento così critico... Sembrava di essere tornati alle prime pagine del romanzo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima analisi, mia cara!
      Non ho anticipato niente dell'evidente parallelo tra la storia di Margaret/John e Elizabeth/Darcy, ma esiste ed è tangibile!

      Eppure, ci sono anche differenze importanti, sei riuscita a trovarle in questa prima dichiarazione? Il primo incontro, se ricordi, sanciva già una differenza sostanziale con P&P, l'hai [l'avete], notata? ^__^

      Margaret è davvero molto molto forte! Ha una pazienza ed un cuore grandissimo per sostenere il ruolo di figlia, sorella e amica, non ho lo stesso cuore di M., però, mi ritrovo in questa sua sorta di solitudine affettiva, non che manchi di veder ritornare l'affetto, ma è evidente che è lei il sostegno principale delle persone che la circondano, è lei che prende l'iniziativa, è lei, ancora, che compie il primo passo.

      Mrs Thornton è un personaggio meraviglioso e completo, non manca del suo gran cuore, sebbene, non voglia ammetterne troppo apertamente la vera natura, atteggiamente, sicuramente, conseguenza naturale delle difficoltà passate, di un orgoglio ferito ed a fatica rimarginato... persino con il figlio è restìa a commuoversi, le rare lacrime acquistano, quindi, un valore maggiore se lo si legge in questo contesto.

      Edith si dimostra quella che avevamo già letto, il perfetto opposto di Margaret, l'antitesi che resta in superficie, vivendo egoisticamente anche le situazioni altrui, senza comprenderne la gravità ed il vero grado d'importanza, d'altronde, la scala di valori su cui misura ogni cosa è limitata alla sfera di cristallo in cui si muove, non sei d'accordo? :D

      Allora, cara, che mi dici del parallelo con P&P?
      Buona lettura a te e a tutti!
      ^_^

      Elimina
  3. Penso che in un certo senso la situazione sia quasi ribaltata: Darcy si presenta ad Elizabeth non tenendo minimamente in conto un suo probabile rifiuto, anzi... Più che altro è concentrato a mettere in risalto tutte le manchevolezze della famiglia di lei e a spiegare quali motivi lo hanno spinto a tentare di fuggire a tali sentimenti.John invece non ha questa pretesa... anzi... Prima di dichiararsi ha più volte espresso alla madre i suoi dubbi sulla risposta affermativa di Margaret, visto che sa che lei non potrebbe mai provare interesse per lui... Forse l'atteggiamento ostile di Elizabeth è maggiormente giustificato anche solo per il male che Darcy ha fatto a Jane, separandola dal suo grande amore, sia dall'"insolenza" di Darcy, che infondo nel momento stesso in cui le dichiarava amore, la insultava. Margaret infondo non aveva tanti motivi per essere così aggressiva o sentirsi offesa... E' stata lei la Darcy della situazione in questa proposta di matrimonio...
    Infondo durante il primo incontro mentre Darcy era stato piuttosto sgradevole con Elisabeth,John aveva capito subito l'essenza della donna che aveva davanti. E anche in questo caso forse Margaret ha avuto un atteggiamento più alla Darcy... Giudicando John severamente... e stando un po' sulle sue, anche perché non conosceva benissimo le usanze del posto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima osservazione, cara!
      Il rifiuto di Margaret è sicuramente più egoistico, poiché basato unicamente sul pregiudizio che le impone la distanza verso coloro che appartengono al mondo del commercio.
      In questo paragone, è evidente come Lizzy sia più matura di Margaret, che in questo frangente pècca di troppa ingenuità; anche Darcy ha un modo di agire più complesso di John, sebbene sbagli nell'anteporre i vincoli sociali al suo amore, mentre John pensa altruisticamente a come possa reagire Margaret, teme di perderla da subito, Darcy, invece, percorre il cammino dell'espiazione solo dopo la prima dichiarazione, ovvero, quando vede se stesso attraverso gli occhi di Lizzy e teme di averla perduta. Un bel recupero, però! :)

      Tutto ciò, fà riflettere su dove siano realmente le somiglianze tra queste due storie d'amore: nella trama, più che nei personaggi, animati allo stesso modo di orgoglio e pregiudizio, ma molto diversi caratterialmente.
      Che ne pensi?

      Elimina
  4. Oh, anche io leggendo il libro ho pensato (e così l'ho descritto ad alcune amiche) che fosse un "P&P durante la rivoluzione industriale"! e poi ho scoperto che anche la Gaskell ha fatto questo paragone, in effetti!
    le differenze che però ho notato: intanto noi di Darcy non sappiamo quello che pensa e prova, mentre di John Thornton conosciamo le emozioni, anche quelle che neanche la madre riesce a comprendere interamente (penso al momento per esempio in cui la madre gli dice che una donna innamorata sarebbe stata ben capace di quel gesto di difesa di fronte alla folla inferocita, e lui vive una serie di forti emozioni che la madre intuisce, ma non decodifica del tutto).
    poi già al primo incontro sappiamo che John è colpito da Margaret, anche se si convince che lei non gli piace, date le sue arie; mentre Darcy non ha neanche voglia di ballare insieme a Elizabeth, che vede solo come una donna trascurata dagli altri uomini che ballano..

    e di certo anche a me Lizzy appare più matura di Margaret, che nel romanzo è davvero troppo piena di pregiudizi; però stranamente più verso chi vive di commercio che verso gli operai, questa è una cosa che mi ha fatto pensare..
    John è come se "giocasse in difesa", sente di non essere compreso e deve dimostrare qualcosa.. infatti ad esempio alla cena Margaret scopre un nuovo John, che non deve dimostrare niente, essendo fra la sua "gente", che già lo rispetta, per cui ha un modo di fare più gradevole.

    Più in generale, di questo romanzo amo molto la descrizione di tutte le classi sociali del periodo; descrizione senza pregiudizi, a mio parere, visto che vengono analizzate sia dal punto di vista "interno" che "esterno", intendo dire che mette in evidenza cosa ogni classe sociale pensi delle altre, senza privilegiarne nessuna (e all'interno di ogni classe sociale ci sono personaggi molto diversi, i "buoni" non stanno tutti da una parte, e i personaggi hanno tutti una loro complessità, a mio vedere)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riguardo alle differenze tra John e Darcy, è giusto quello che scrivi, in Orgoglio e Pregiuzio la narrazione è dal punto di vista di Lizzie, con tutte le incomprensioni, le interpretazioni che implica il suo ruolo nella vicenda.
      Qui abbiamo un insieme di punti di vista, poiché è la Gaskell che indaga gli animi dei personaggi, cui si aggiungono, a mio parere, due voci in più, quelle corali dei due schieramenti in campo, gli operai e gli industriali.

      Dickens ha scelto il romanzo della Gaskell soprattutto per la sua forte componente sociale, concordo con te nel sostenere che la scrittrice non patteggi per un ceto sociale in particolare, bensì ritragga di ognuno i pregi e i difetti, denunciando in tale confronto quali siano le difficoltà che impediscono la mediazione, il dialogo.

      Elimina
  5. Oh, anche io, descrivendo il romanzo alle mie amiche, l'ho descritto come "P&P durante la rivoluzione industriale"! e poi ho scoperto che a quanto pare anche la Gaskell lo ha paragonato a P&P..

    per quanto riguarda il paragone tra i protagonisti, innnanzitutto di Darcy non conosciamo ciò che pensa o sente; mentre invece le emozioni di John ci vengono descritte, anche quando non sono ben chiare né a lui né a sua madre, per esempio penso alla parte in cui la madre gli suggerisce che Margaret probabilmente è innamorata, e lui viene colto da mille emozioni insieme, di cui la madre intuisce solo la forza, ma non le decodifica.
    relativamente al primo incontro, John ammira da subito Margaret, anche se si convince quasi che non gli piaccia, date le sue arie, a differenza di Darcy, che ignora o quasi Elizabeth (la considera solo una donna trascurata dagli altri uomini che ballano!)

    Margaret sembra anche a me meno matura di Elizabeth, e piena di pregiudizi, rivolti soprattutto verso chi vive di commercio, e meno verso gli operai, stranamente..
    e a questo proposito, di questo romanzo amo la descrizione del periodo, delle diverse classi sociali e delle loro interazioni, e mi piace che non ci sia una classe "migliore" delle altre, tutte hanno personaggi con tante sfaccettature, i "buoni" non sono tutti da una parte..
    descrizione del periodo che non è di contorno o semplicemente da sfondo, ma entra a pieno diritto nella trama, visto che determina i fatti e le azioni dei protagonisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusate, pensavo di aver perso nell'etere il primo messaggio quindi l'ho riscritto.. è un doppione, perdonatemi!

      Elimina
    2. Tranquilla cara, ti ho risposto sopra! :D

      Elimina

"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine." — Virginia Woolf

Puoi leggermi su

Follow

Follow my blog with Bloglovin


Paperblog

Aggregatore

Blog Directory

http://www.wikio.it


Miss Claire Queen

Disclamer

L'autore di questo blog si riserva di eliminare senza preavviso i commenti che siano illeciti, volgari, lesivi della privacy altrui, con contenuti di spam, ispirati da odio razziale, che possano recare danno ai minori, che contengano dati sensibili, che siano lesivi di copyright, che non siano correlati all'articolo cui si riferiscono.

Questo blog viene aggiornato senza una periodicità prestabilita quindi, ai sensi della legge n°62 del 07/03/2001, non è un prodotto editoriale o una testata giornalistica.

Le icone pubblicate sono state prelevate dalla rete attraverso il motore di ricerca Google. Chiunque si trovi violato nel copyright non ha che da comunicarlo, verranno eliminate immediatamente.

Ospiti e passanti

La grafica di questo blog è curata da Petra Zari aka Miss Claire Queen [© 2015], non ne è permessa la copia o la riproduzione anche parziale dei contenuti, che siano testi o immagini.

SE AMI IL MIO STILE e hai un blog che vuoi svecchiareSCRIVIMI!

Sfoglia il mio Portfolio!