Le stanze dei fantasmi – AA.VV. [Recensione]

lunedì, gennaio 19, 2015

“L’uomo è per natura credulo, incredulo, pauroso, temerario.”

Blaise Pascal, Pensieri, 1670

Carissimi ospiti del Salotto,
l’anno nuovo è iniziato da un po’, ma non vi ho ancora chiesto quali letture hanno allietato le festività natalizie appena trascorse, o quali libri avete ricevuto in dono, la mia curiosità in merito è sempre affamata di novità e consigli libreschi e chi meglio dei miei lettori può suggerirmi interessanti titoli da esplorare?
Per quanto riguarda il mio consiglio a voi, ho avuto il piacere di leggere un libro dal perfetto profilo natalizio, grazie alla gentilezza della Del Vecchio Editore, mi sono vista arrivare per posta un delizioso volume che prometteva già nell’invitante copertina atmosfere gotiche da batticuore come nella miglior tradizione natalizia dei classici inglesi.
Lessi per prima cosa la sinossi, pensando con sollievo che, forse, avevo tra le mani un libro degno sostituto dell’ennesima (rituale) rilettura del Canto di Natale dickensiano! Immaginate una rosa di autori tra i più noti della seconda metà dell’Ottocento (molti dei quali tra i miei preferiti), Wilkie Collins, Elizabeth Gaskell, Adelaide Anne Procter, George Augustus Sala e Hesba Stretton, diretti magistralmente dal grande Charles Dickens in un Decameron vittoriano, dove una villa diroccata abitata da fantasmi diventa lo scenario delle notti insonni degli ospiti, chiamati dal proprietario ad affrontare personalmente, in una sorta di gioco di ruolo, il soprannaturale che ha costruito la paurosa fama della casa e, se possibile, a sfatare ogni timore.

Le stanze dei fantasmi (The haunted house, 1859) è fra i migliori progetti letterari che Charles Dickens ideò e pubblicò a puntate sul suo noto periodico All the year round; invece di una semplice raccolta di racconti, pianificò un canovaccio della storia che doveva tenere a soggetto le paure più assurde (eppure comuni) all’umanità, scrisse una cornice (sono suoi il prologo, un racconto centrale e l’epilogo) che raccogliesse i racconti, lasciando ogni autore nei panni di un personaggio alle prese con la propria “stanza” e il fantasma suo ospite.
L’inventiva dickensiana è universalmente nota, eppure, ogni volta mi sorprendo del suo genio e del suo altruismo che han fatto di lui il più grande scrittore inglese dopo il Bardo e il migliore dei mecenati della letteratura del suo tempo.
Inutile svelarvi troppo delle storie contenute nel libro, vi rassicuro invece sulla piacevolezza e il divertimento che non mancheranno di strapparvi più di un sorriso!
Lo stile autentico degli autori così come la loro autonomia inventiva fungono da ottimo escamotage per sottolineare la diversità delle voci dei protagonisti e le relative reazioni alle differenti esperienze paranormali. Collins, padre del mystery, non rinuncia a una trama enigmatica, la Procter racconta in rima come in una filastrocca o un racconto epico, la Gaskell lascia spazio al suo punto di vista umano e sociale, Sala scrive nella forma sintetica e criptica del giornalista e Dickens, nel suo mood più felice, farcisce ogni suo pezzo di arguta, ineffabile ironia.
"Questi spettri possono essere capiti ma non esorcizzati. Sono la realtà, e ne portano il peso."
La critica alla società del suo tempo non avrebbe potuto celarsi meglio che dietro a una raccolta di innocui racconti natalizi, dove i fantasmi sono assai meno terribili di quello del futuro di Scrooge, le storie toccano l’assurdo e il grottesco di Poe tanto sono inverosimili, eppure, la chiave di lettura è lì a portata di lettura: ogni stanza uno spettro, una paura e colui che se ne scopre detentore, astute metafore che hanno il preciso intento di ridicolizzare le fobie della società vittoriana con tutte le sue nuove regole autoimposte.
La sinossi qui di seguito vi introduce perfettamente in questo ingegnoso spassoso role-game, un libro finora inedito in Italia che — se possibile — aumenta la mia stima per Dickens e la predilezione per i classici inglesi, ve lo consiglio sinceramente!


 SCHEDA del LIBRO
Titolo: Le stanze dei fantasmi
Titolo originale: The haunted house
Autori: C. Dickens, W. Collins, E. Gaskell, A. A. Procter, G. A. Sala, H. Stretton
Editore: Del Vecchio Editore
Traduttore: S. Secchini
Illustratore: M. Ceccato
Pubblicazione: 26 novembre 2014
Collana: Formebrevi
Pagine: 237 Brossura
ISBN: 978-8861101135
Prezzo: € 14,50 – Ebook € 8,99

SINOSSI
Le stanze dei fantasmi raccoglie una serie di storie pubblicate originariamente a puntate sulla rivista «All the year round» nel 1859, a cura di Charles Dickens, che avvalendosi della cornice narrativa di una classica e avvincente storia di spettri, compone un nutrito campionario delle paure e delle nevrosi dell'animo umano. Un gruppo di amici si trasferisce in una casa di campagna su invito del padrone di casa Joe e di sua sorella Patty. Una coppia affiatata, un giovanotto brillante, una femminista convinta, un ex marinaio col suo compagno di avventure e un avvocato di successo rispondono all’invito di Joe e Patty, e decidono di partecipare al singolare “ritiro” in una classica location alla Poe: una villa isolata e popolata di presenze dell’oltretomba. Vivranno per tre mesi insieme, lontani dal mondo. Durante questo tempo dovranno scoprire quale fantasma abita la loro stanza (e la loro vita), senza mai farne parola e, soltanto alla fine, in quella che chiamano la “dodicesima notte”, si riuniranno per raccontarsi ciò che hanno visto e udito, come in un moderno Decameron.
Le uniche pagine finora tradotte in italiano erano appunto quelle dello stesso Dickens, estrapolate dal loro contesto originario. Noi restituiremo al pubblico italiano il volume nella sua interezza, attraverso la traduzione sapiente di Stella Sacchini.
Voi avete letto questo libro o lo avete appena aggiunto alla wishlist?
Attendo i vostri consigli e commenti e vi auguro buone letture!
A presto, Claire

You Might Also Like

6 Impressions

  1. L'ho comprato da pochissimo e mi deve arrivare a giorni!!! *-* Non vedo l'ora di leggerlo!!!Charles...*-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo adorerai! Dickens è al suo meglio per invenzione e ironia, gli altri sono un'ottima squadra che merita attenzione per come ha interpretato il proprio compito! Buona lettura, se vorrai condividere il tuo parere scrivimi pure qui! :)

      Elimina
  2. Dunque, le mie festività natalizie sono state allietate dalle seguenti letture:

    The ghosts of Sleath di James Herbert, una storia di fantasmi, appunto;
    La carezza leggera delle primule di Patrizia Emilitri;
    Biscotti e sospetti di Stefania Bertola e
    Il bacio d'una morta di Carolina Invernizio

    Ho amato il libro della Bertola, ho trovato bizzarro e sinistro il romanzo di Herbert e divertente l'opera d'appendice della Invernizio, pubblicata nel lontano 1886.

    La carezza leggera delle primule, Biscotti e sospetti e Il bacio d'una morta li ho comprati con un buono regalo ricevuto a Natale.

    Non ho letto Le stanze dei fantasmi, ma pare molto intrigante e penso che la copertina dell'edizione italiana sia davvero bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, ma quante belle letture!!! *__*
      La prima mi intriga particolarmente e forse dovrei rivalutare la Invernizio, conosciuta in casa mia per alcuni romanzi romantici, ma il lato horror e misterioso non l'ho mai 'assaggiato', potrebbe essere una scoperta!
      Grazie per questa condivisione cara! :D

      Elimina
  3. Che libro interessante! Non ne avevo letto prima d'ora, ti ringrazio moltissimo di avermelo fatto conoscere! Già in wishlist!♥ Già mi immagino di immedesimarmi in Catherine durante la sua lettura di "I misteri di Udolpho".. :)

    ~Curiosità di una Janeite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, che bello averti qui! :)
      Più che Catherine e Udolpho, qui si trovano le atmosfere del Canto di Natale, ma l'ironia parodica c'è tutta, come nella migliore critica alle esagerazioni delle storie gotiche stile Radcliffe e, soprattutto, alla società vittoriana in cui Dickens viveva.
      Curiosa di sapere cosa ne penserai post lettura, abbraccio grande, da Janeite a Janeite! <3

      Elimina

"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine." — Virginia Woolf

Puoi leggermi su

Follow

Follow my blog with Bloglovin


Paperblog

Aggregatore

Blog Directory

http://www.wikio.it


Miss Claire Queen

Disclamer

L'autore di questo blog si riserva di eliminare senza preavviso i commenti che siano illeciti, volgari, lesivi della privacy altrui, con contenuti di spam, ispirati da odio razziale, che possano recare danno ai minori, che contengano dati sensibili, che siano lesivi di copyright, che non siano correlati all'articolo cui si riferiscono.

Questo blog viene aggiornato senza una periodicità prestabilita quindi, ai sensi della legge n°62 del 07/03/2001, non è un prodotto editoriale o una testata giornalistica.

Le icone pubblicate sono state prelevate dalla rete attraverso il motore di ricerca Google. Chiunque si trovi violato nel copyright non ha che da comunicarlo, verranno eliminate immediatamente.

Ospiti e passanti

La grafica di questo blog è curata da Petra Zari aka Miss Claire Queen [© 2015], non ne è permessa la copia o la riproduzione anche parziale dei contenuti, che siano testi o immagini.

SE AMI IL MIO STILE e hai un blog che vuoi svecchiareSCRIVIMI!

Sfoglia il mio Portfolio!